Hiv, l’empatia digitale è parte della cura