Fragilità ossea, la continuità assistenziale è la parola d’ordine